Gela nel Mondo Indice del Forum Galleria Foto e Immagini di Gela Gela nel Mondo




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
90 milioni per gela 
Autore Messaggio
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: domenica 23 dicembre 2007, ore 23:41
Messaggi: 10410
Località: Roma
Karma: 116 punti  
Messaggio 90 milioni per gela
ROMA - Sono pochi soldi, per carità. Appena 3,1 milioni di euro: di certo insufficienti per «migliorare la qualità urbana» di tre città del Mezzogiorno come Gela, Caltanissetta e Quartu Sant' Elena. Però ci sono. Figurano nel bilancio dello Stato da undici lunghi anni e nessuno li ha mai usati. Forse dimenticati, come i fondi per i semafori e gli attraversamenti pedonali in Calabria e Sicilia, gestiti dall' Anas: 4,5 milioni disponibili dal 2007 e ancora intatti. Oppure le risorse per la Pedemontana veneta, 20 milioni assegnati alla Regione nel 2002, mai più toccati dopo una modesta erogazione nel primo anno. E così, di milione in milione, tra strade e ponti progettati e poi abbandonati, incentivi alle imprese che nel frattempo hanno chiuso, e i tanti programmi di spesa semplicemente sballati dai ministeri, nel 2008, si è arrivati alla stratosferica cifra di 90 miliardi di euro. Soldi che sono stati stanziati dal Parlamento e che esistono nel bilancio pubblico, ma che i ministeri non sono riusciti a spendere. Non sempre per colpa loro: molto spesso dipende dalla farraginosità dei meccanismi di spesa, dal fatto che gli stanziamenti vengono resi disponibili sul finire dell' anno, a volte per gli interventi di contenimento amministrativo delle uscite di cassa. Anche se qualche volta, come ha rilevato la Ragioneria dello Stato nel Rapporto sulla spesa 2009, l' incapacità di spendere deriva anche dalla «scarsa capacità di programmare dei ministeri» e dall' «obsolescenza degli obiettivi». Forse è per questo che i 53 milioni di euro messi a disposizione dal ministero dello Sviluppo economico alle Regioni per la «Sicurezza e la mobilità stradale» non sono mai stati intaccati. Per non parlare dei fondi, sempre del ministero dello Sviluppo, destinati alla «Mobilità locale». Lo stanziamento è anche superiore, 96,3 milioni di euro, ed è disponibile dal 2001, ma «in sette anni - si legge nel rapporto della Ragioneria - non ci sono state richieste da parte dei Comuni». Invece di verificare puntualmente la spesa effettiva, ragionare sulla sua utilità ed eventualmente decidere di spostare gli stanziamenti altrove, molto spesso i ministeri preferiscono riproporre pari pari i vecchi programmi di finanziamento, anche se non producono grandi risultati. Per le cooperative edilizie, ad esempio, ci sono nel bilancio di quest' anno ben 204 milioni di euro di incentivi. Anche se sullo stesso capitolo c' è un arretrato di spesa deliberata e mai erogata che supera gli 800 milioni di euro. Il fenomeno dei residui passivi si è un po' attenuato negli ultimi due anni, da quando cioè la legge ha stabilito che queste somme vadano in «perenzione», quindi verso la cancellazione dal bilancio, dopo solo tre anni e non più sette come prima. Ma resta preoccupante, perché quella spesa, in molti casi, può diventare un debito esigibile dai beneficiari, rendendo assai precario il controllo sul bilancio. Fatto sta che dopo la sforbiciata della perenzione i residui, da una media di 120 miliardi nel 2003-2006, sono scesi ai 90 del 2007-2008. Con la tendenza a restare costanti, perché ogni anno, tanti residui si smaltiscono, tanti se ne formano di nuovi. Nel 2008, a fronte di uno stanziamento iniziale di bilancio a disposizione dei ministeri di 730 miliardi di euro, passato a 748 in sede di stanziamento definitivo, i pagamenti erogati effettivamente non hanno superato i 711 miliardi. In media, i residui passivi di spesa rappresentano circa il 20% del bilancio dei singoli ministeri. Ma ci sono casi particolari. Come il ministero dello Sviluppo economico, che ha grandi difficoltà nella concessione di contributi in conto capitale alle imprese. Su 4,7 miliardi di euro da concedere, solo il 15,2% risultava pagato alla fine del 2008. Altri 345 milioni sono fermi nelle casse di Invitalia, l' ex Sviluppo Italia. Allo Sviluppo ci sono ben 10 miliardi di euro di residui in conto capitale accertati: di questa somma, 2,8 miliardi, secondo la Ragioneria, può andare in perenzione, cioè essere cancellata, entro l' anno. Al ministero dello Sviluppo i residui passivi arrivano al 60% degli stanziamenti di bilancio. Lì le forbici della Ragioneria sono già intervenute: il taglio delle somme non spese è stato di 170 milioni di euro nel 2006, oltre 820 nel 2007 e altri 188 l' anno scorso. La Ragioneria dello Stato ha calcolato che in bilancio, all' Ambiente, ci sono attualmente 656 milioni di euro di somme assegnate e non pagate relative al periodo 2006-2008. Di questi, 400 milioni riguardano il Fondo per il finanziamento delle misure di riduzione dei gas a effetto serra, il cosiddetto Fondo Kyoto. «Con riferimento agli esercizi 2006-2008 - sottolinea la Ragioneria - risulta non speso il 100% degli impegni in conto residui». Stessa sorte per il Fondo per lo sviluppo sostenibile della Finanziaria 2007, dove giacciono 48 milioni di euro inutilizzati al 96%. Mario Sensini RIPRODUZIONE RISERVATA

_________________
Immagine


martedì 1 dicembre 2009, ore 1:43
Torna a inizio pagina
Profilo YIM WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per      
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: