Gela nel Mondo Indice del Forum Galleria Foto e Immagini di Gela Gela nel Mondo




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Gela, eruttano i “vulcanelli” di fango 
Autore Messaggio
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4080
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio Gela, eruttano i “vulcanelli” di fango
Gela sta implodendo. =D> =D>

Gela, eruttano i “vulcanelli” di fango
diGiuseppe D′Onchia - Pubblicato il 05 Maggio 2011 - 12:49

Spettacolo insolito questa mattina in contrada Marabusca a Gela, in direzione nord, ad un paio di chilometri dallo stabilimento petrolchimico. I vulcanelli di fango, conosciuti in Sicilia come Maccalube, hanno eruttato. La genesi è da attribuire alla risalita sotto pressione, verso la superficie, di gas, (potrebbe trattarsi di gas metano) e acqua, attraverso discontinuità strutturali, fratture sulla crosta terrestre, o vere e proprie faglie. Quando queste miscele di gas, acqua, e minerali vari, attraversano formazioni argillose, come è nel caso della piana di Gela dove sono presenti nel sottosuolo strati di argille di diverse centinaia di metri di spessore, le sciolgono durante la risalita, e le eruttano formando sulla superficie terrestre questi vulcanelli. La loro formazione, in genere, non è legata ad un'attività vulcanica cosi come siamo abituati a conoscerla, con riferimento ai vulcani che eruttano lava come l’Etna, ma ad un particolare fenomeno che per somiglianza viene definito vulcanesimo sedimentario. Questi fenomeni – così come riferito la settimana scorsa da Giuseppe Collura, Presidente Associazione Geologi della Provincia di Caltanissetta - sono assolutamente naturali, ed in quanto tali, non dovrebbero causare particolari preoccupazioni se non una attività di salvaguardia e messa in sicurezza del sito di affioramento. Nel caso di Gela, comunque è necessario avviare una attività di attento monitoraggio per la presenza di pozzi petroliferi nel sito dove avviene il fenomeno. Una attenta attività di monitoraggio e controllo consentirebbe, qualora il fenomeno non dovesse stabilizzarsi e se lo stesso fosse legato ad una dinamica crostale più complessa, e cioè a “processi tettonici”, di attivare per tempo eventuali manovre ed operazioni di messa in sicurezza degli impianti o pozzi presenti. Questi avvenimenti debbono in ogni caso farci riflettere – sostiene ancora Collura - sul fatto che la nostra terra è una entità “viva” ed in continuo “Equilibrio Dinamico”. E con riferimento al territorio locale, bisogna tenere sempre presente che la città di Gela è classificata a rischio sismico. Queste semplici considerazioni dovrebbero stare alla base di ogni scelta di pianificazione territoriale, facendo in modo che le componenti naturali assumano un peso preponderante rispetto allo sfruttamento dissennato e pericoloso del territorio.

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


venerdì 6 maggio 2011, ore 18:43
Torna a inizio pagina
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per      
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: