Gela nel Mondo Indice del Forum Galleria Foto e Immagini di Gela Gela nel Mondo




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
La "vera" verità su una questione estiva del 2009 
Autore Messaggio
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4080
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio La "vera" verità su una questione estiva del 2009
Ricordate quanto fango è stato buttato su questa famiglia in quei giorni?
Da un lato i detentori della legalità "l'amministrazione comunal di allora", dall'altro i soliti cittadini che si opponevano indegnamente.
Ebbene, questi cittadini invece lottavano per un loro sacrosanto diritto e chi si sciacquava la bocca di legalità, nella realtà, prevaricava i diritti della gente "onesta" per nascondere un proprio errore.

Ora, dovrebbero avere il coraggio di chiedere scusa alla famiglia in questione e a tutti noi cittadini che saremo costretti a pagare le spese per colpa loro.


Pubblicato il 18 Agosto 2009 - 13:55
Si è sfiorato lo scontro fisico, stamani, a Gela, in via Generale Cascino, a ridosso del nuovo palazzo di giustizia, quando l’amministrazione comunale ha deciso di recintare l’area del fabbricato acquisito al patrimonio indisponibile del comune e destinato alla demolizione perchè dichiarato abusivo e non sanabile. L’ordine di abbattere il magazzino è stato già emesso. Anche le ruspe oggi erano pronte. Ma il contenzioso ha fatto scoccare scintille per una controversa interpretazione degli atti e della loro applicabilità.
Di fronte c’erano i componenti della famiglia Calafiore, proprietari dell’immobile, con il locatario che vi gestisce un esercizio commerciale di prodotti ortofrutticoli, da una parte, e la polizia municipale guidata dal vice sindaco Elisa Nuara con funzionari dell’ufficio patrimonio, dall’altra. A vigilare le forze dell’ordine: carabinieri, polizia e guardia di finanza. Pronta in caso di necessità anche un’ambulanza dell’ospedale con medico e infermieri. I Calafiore dicono di avere ragione, forti di una sentenza del CGA, non hanno ricevuto indennità di esproprio e chiedono giustizia.
Il locatario del locale è il commerciante Giovanni Romano. A lui non sarebbe stato notificato nulla. Nel magazzino ha merce e apparecchiature per centinaia di migliaia di euro.
Per l’amministrazione comunale di Gela l’area del palazzo di giustizia è di alto interesse collettivo, è stata vincolata, espropriata e destinata alla costruzione del presidio giudiziario da molto tempo. L’edificio realizzato abusivamente dai Calafiore sarebbe stato destinato alla demolizione sin dal 1981. La domanda di sanatoria, infatti, è stata respinta malgrado fossero stati pagati l’oblazione e gli oneri di costruzione e di urbanizzazione.
Il palazzo di giustizia di Gela dovrebbe essere pronto a fine dicembre ed entrare in attività nei primi mesi del 2010



Oggi

GELA (CALTANISSETTA) - Il tribunale di Gela risulta parzialmente abusivo, dal momento che uno dei lotti dell'area sulla quale è stato realizzato fu acquisito illegittimamente. Lo ha stabilito il Consiglio di giustizia amministrativo, dopo che il Tar - il 10 marzo 2010 - si era già pronunciato in tal senso, con la sentenza di primo grado.

I giudici amministrativi hanno dichiarato illegittimi gli atti del Comune gelese, con i quali l'amministrazione è pervenuta all'acquisizione, al parziale esproprio e all'occupazione dei terreni dove è stato costruito il nuovo palazzo di giustizia.

Il Cga ha anche accolto 'l'appello incidentale' dei proprietari dell'area (gli eredi Calafiore), in opposizione al ricorso del Comune, che non può più appellarsi all'art. 43 del dpr 327/2001 per legittimare 'l'utilizzazione senza titolo di un bene per scopi di interesse pubblico' considerato che, contro questo strumento, legislativo è stata dichiarata l'illegittimità costituzionale.

L'amministrazione comunale di Gela è stata pertanto condannata a risarcire i proprietari dell'area in questione, sulla base di una valutazione erariale che non può essere quella riferita al 2006, anno d'inizio della procedura di esproprio nè quella della presa di possesso dei terreni, ma quella della 'data in cui sarà adottato l'atto transattivo, di qualsiasi tipò, tra le parti. Per gli anni passati, invece, 'i danni da risarcire corrisponderanno agli interessi moratori sul valore del bene'.

Infine il Cga ha confermato la restituzione dell'area di sedime, mai utilizzata, sulla quale sorgeva un fabbricato, adibito a magazzino ortofrutticolo attrezzato che, secondo la giustizia amministrativa, fu demolito nel 2009 dal Comune di Gela, ma illegittimamente. La controversia esplose nell'estate 2009

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


sabato 7 gennaio 2012, ore 17:17
Torna a inizio pagina
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per      
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron