Gela nel Mondo Indice del Forum Galleria Foto e Immagini di Gela Gela nel Mondo




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Ragazzi del BRONX 
Autore Messaggio
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: sabato 16 giugno 2007, ore 16:14
Messaggi: 3480
Località: valsusa
Karma: 228 punti  
Messaggio Ragazzi del BRONX
Percorso:ANSA > Legalità > Nel Bronx di Gela la 'partita' vinta dai ragazzi
Nel Bronx di Gela la 'partita' vinta dai ragazzi
Studenti realizzano video sull'omerta' per il concorso della Fondazione Falcone
07 maggio, 21:20
salta direttamente al contenuto dell'articolo
salta al contenuto correl
GELA: LA 'PARTITA' VINTA DAI RAGAZZI
NEL BRONX DI GELA LA 'PARTITA' VINTA DAI RAGAZZI (2/A PARTE)
ASSOCIATE
MIGLIAIA DI RAGAZZI A PALERMO CON NAVI LEGALITA'
di Franco Infurna
Si intitola ''la nostra partita'' il video realizzato da quasi 200 alunni di Gela dell'istituto comprensivo ''Salvatore Quasimodo'', con il quale hanno vinto il concorso ''Geografia e Legalita': sconfiggere le mafie nelle mie regioni'' promosso dalla ''Fondazione Falcone'' nell'anniversario della strage di Capaci. Un lavoro attento e condiviso che affronta il tema dell'omerta', traendo lo spunto da un fatto realmente accaduto a uno degli alunni, accusato ingiustamente di indossare una maglietta rubata, che in realta' era stato un suo compagno a trafugare e a regalargliela. Tanti lo sapevano ma nessuno parlava, per paura.

E quando in classe finalmente se n'e' discusso, sono stati gli stessi protagonisti a volerlo interpretare nella loro videoclip.

Il progetto e' stato sceneggiato e diretto dall'insegnante di lettere, Rosaria Albini, coadiuvata, dal punto di vista didattico, da altre 10 colleghe, otto di scuola primaria e due della secondaria di primo grado. Fa da colonna sonora al video la canzone di Fabrizio Moro, dal titolo ''Pensa'', vincitrice del festival di Sanremo Giovani del 2007. Sono le ragazze ad esordire reggendo uno striscione che riporta l'immagine di Paolo Borsellino e di Giovanni Falcone e la ormai famosa frase di quest'ultimo: ''gli uomini passano, le idee restano e camminano sulle gambe degli uomini''. Ragazze che, novelle Andromeda, vogliono rompere le catene dell'omerta' e della violenza mafiosa per liberarsi di antichi retaggi che ancora oggi le costringono all'emarginazione e al silenzio. La loro citta' e' una terra gravemente offesa dalla mafia. La loro scuola e' un presidio di cultura e di legalita' in due quartieri-simbolo dell'oppressione mafiosa: Scavone, ovvero il Bronx di Gela, e Settefarine, un enorme agglomerato abusivo di 10 mila famiglie. A Scavone (dove predomina Cosa Nostra) fu scoperto il libro-mastro del racket delle estorsioni con le cifre che artigiani, professionisti e imprenditori pagavano alla cosca Madonia e con i compensi corrisposti ai picciotti del pizzo. Da un covo di Settefarine, il 27 novembre del '90, partirono i killer della Stidda, che, in quattro agguati simultanei, uccisero otto persone e ne ferirono altre sette, in quella che verra' ricordata come la ''strage della sala-giochi'' perche' fu li' che si ebbe il bilancio piu' pesante per numero di vittime.

I giovani, da sempre, rischiano di finire arruolati negli eserciti delle due organizzazione mafiose, una volta contrapposte, oggi alleate. I ragazzi della Quasimodo e della Giovanni XXIII lo sanno. Per questo assume maggiore valenza il loro video-denuncia. La seconda parte, infatti, e' imperniata sul silenzio complice di chi ha paura e favorisce il crimine. Le immagini mostrano l'insegnante-allenatore che preparava gli alunni nel cortile della scuola, mentre un ragazzo entra in classe e ruba le magliette, intimando il silenzio a quelli che se ne accorgono, con la minaccia di tagliar loro la gola.

E quando docente e alunni cercano ma non trovano le magliette, nessuno di quelli che hanno assistito al furto parla, malgrado la rabbia e la delusione di tutti. Appare quindi la scritta ''il silenzio e' mafia'', che chiude il filmato condannando fermamente l'omerta'. La professoressa Albini spiega il perche' della scelta di questo finale. ''Perche' ancora da noi la realta' e' proprio questa. Abbiamo invece voluto lanciare il messaggio che questo silenzio non e' solo un errore da condannare ma diventa complicita' criminale che si puo' debellare con la denuncia collettiva''. La formula e' quella antica e sempre valida dell'unione che fa la forza. Ancora oggi ne dimostra l'efficacia l'associazione antiracket ''Gaetano Giordano'' di Gela, prima in Italia per denunce (con arresti e condanne) nella lotta al ''pizzo''.(ANSA).

_________________
Spirito libero


mercoledì 8 maggio 2013, ore 11:25
Torna a inizio pagina
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per      
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: