Gela nel Mondo Indice del Forum Galleria Foto e Immagini di Gela Gela nel Mondo




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
TUNISIA 
Autore Messaggio
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: lunedì 3 marzo 2008, ore 15:21
Messaggi: 9043
Località: Terranova
Karma: 47 punti  
Messaggio TUNISIA
I paesi arabi sono caratterizzati da regimi sistematicamente repressivi, oltre che inefficienti e improntati a un'eccezionale longevità politica. Alla base del regime c'è sempre il clan, costituito dalla famiglia allargata del presidente. Tutto ciò causa una stagnazione politica eccezionale, che provoca un rapporto nevrotico tra mondo arabo e Occidente, di cui l'Iraq è l'esempio paradigmatico. E fa nascere un sentimento d'umiliazione esacerbato dal fallimento economico generalizzato.
I regimi repressivi non sono appannaggio unicamente del mondo arabo. E neanche gli stati “predatori” sono specifici di questa parte del mondo. (1) In compenso l’esistenza di regimi sistematicamente repressivi, oltre che inefficienti e improntati a un’eccezionale longevità politica, sono proprio caratteristici della civiltà araba: le gravi rivolte che stanno sconvolgendo la Tunisia e, in maniera più endemica, l’Algeria sono espressione di questa realtà.
Dinastie al potere - La longevità politica dei regimi arabi è un dato di fatto eccezionale, se comparato al resto del mondo. In Tunisia Ben Ali era ufficialmente al potere da ventiquattro anni. Ma erano più di trent’anni che dominava il sistema del paese. Il suo vicino Bouteflika è al governo dell’Algeria solo dal 1999. Ma non bisogna dimenticare che era già ministro degli Esteri nel 1963 e che restò in carica per ben quindici anni. Anche in Libia ritroviamo una longevità similare, visto che il colonnello Gheddafi è al potere dal 1969; e così avviene nello Yemen, dove il capo di Stato è in carica dal 1978, e in Egitto su cui “regna” Mubarak dal 1981. Alla base di questi regimi c’è sempre il clan, il cui nocciolo duro è per lo più costituito dalla famiglia allargata del presidente. Trenta o quaranta anni fa non si concepiva neanche che i regimi repubblicani arabi potessero essere fondati sul principio di successione dinastica.
Oggigiorno, invece, tale modalità sta diventando regola, introdotta dall’attuale capo di Stato della Siria, che è succeduto a suo padre il giorno della morte di quest'ultimo, che peraltro aveva governato il paese per trent’anni. Anche in Tunisia era previsto, fino a qualche giorno fa, che a succedere a Ben Alì fosse il genero. In Libia e in Egitto sono destinati alla successione i figli degli attuali capi di Stato, mentre in Algeria sono i fratelli del presidente, visto che quest’ultimo è senza eredi. Insomma, nel mondo arabo, sta perdendo significato la differenza tra repubbliche e monarchie e, per giunta, non si tratta certo di monarchie costituzionali.
I monarchi arabi sono al centro del gioco politico ed economico. Wikileaks ha recentemente rivelato che, se si vuole trattare affari economici seri in Marocco, è indispensabile sollecitare l’appoggio del palazzo reale – cosa che del resto già tutti sapevano. Poiché i regimi arabi sono strutturati in clan, la cui base sociale tende a restringersi sempre più, l’avidità economica dei centri di potere sta aumentando vertiginosamente, causata probabilmente da un senso di precarietà. E e sta ampliandosi anche un sistema repressivo pletorico, dotato di strumenti moderni molto efficaci. Quando, pertanto, si sente dire – per esempio – che in Algeria il capo di Stato è riuscito a mettere in riga i militari, non bisogna illudersi neanche per un attimo che ciò significhi un’apertura del sistema politico. Perché, come in Russia, il relativo indebolimento politico dei militari corrisponde a un rafforzamento, senza precedenti, dell’apparato di sicurezza, in seno al quale non esiste differenza alcuna tra militari e civili.
Tutto ciò causa nel mondo arabo una stagnazione politica eccezionale, contrariamente a quanto avviene in Asia, in America Latina e persino nell’Africa sub sahariana. Persino quanto accade oggi in Costa d’Avorio è impensabile nel mondo arabo, perché non viene neanche presa in considerazione l’idea stessa di elezioni libere dal risultato incerto, che potrebbero provocare un cambiamento non solo del governo, ma anche delle elite al potere. C’è stata una sola eccezione, del resto fallita: il caso dell’Algeria nel 1991. Vi furono elezioni così corrette che il secondo turno fu annullato dai militari, i quali cacciarono il capo di Stato, accusato di volere un accordo con gli islamici.
Un fallimento generale e generalizzato - Questa sorta di eccezionale congelamento politico provoca un rapporto nevrotico tra mondo arabo e Occidente. Da una, parte i popoli in questione sono assolutamente impossibilitati a rovesciare i loro governi. Dall’altra, però, sono contrari all’ingerenza esterna. L’Iraq è l’esempio paradigmatico di tale contraddizione. La stragrande maggioranza degli sciiti iracheni era favorevole all’intervento degli Stati Uniti, perché solo così avrebbe potuto liberarsi dall’odiato Saddam Hussein. Ma, nel contempo, non sopportava l’idea di una presenza americana nel loro paese. Allo stesso modo, le società arabe vivono in permanenza una doppia umiliazione. L’umiliazione, e l’oppressione, che subiscono dai loro governanti, da cui non riescono a liberarsi. E l’umiliazione che l’Occidente infligge loro, quando si interroga sul perché il mondo arabo sia incapace di dotarsi di moderni sistemi democratici.
Il sentimento d’umiliazione è esacerbato da una realtà ancor più violenta: il fallimento economico generalizzato della quasi totalità dei paesi arabi. In effetti la maggior parte di questi paesi sono regimi che vivono di rendita, ma non producono ricchezza: le risorse provengono infatti dagli idrocarburi, dal turismo, da aiuti stranieri o dalle rimesse degli immigrati. Ciò significa che la ricchezza delle loro società non deriva da una trasformazione locale e quindi non crea valore aggiunto nazionale. D’altra parte, analizzando i progetti di sviluppo di quasi tutti i governi arabi, si può constatare come riguardino principalmente la valorizzazione degli idrocarburi o lo sviluppo del turismo. Sono due settori che creano ricchezza, ma non prevedono vasti programmi di assunzione di mano d’opera.
Non si tratta ovviamente di scelte casuali. Tutti i regimi di tal sorta hanno interesse a che la popolazione sia dipendente dal potere e dalle sue ricchezze. È meglio governare una popolazione disoccupata e dipendente dallo Stato, che può comprare il suo silenzio in cambio di certi vantaggi sociali, piuttosto che una popolazione autonoma, capace di svilupparsi e di prosperare al di fuori dei circuiti statali. È il motivo per cui tutti i paesi arabi registrano un tasso strutturalmente elevato di disoccupazione e ciò indipendentemente dalle loro risorse. La Tunisia è, per esempio, uno di quei paesi in cui la disoccupazione dei giovani è molto forte. In Algeria sono i cinesi che costruiscono le strade, i ponti e gli aeroporti laddove la disoccupazione locale tocca il 25 per cento e quasi un giovane algerino su due è senza lavoro.
Per molto tempo i regimi arabi hanno tentato di legittimare il loro potere e di giustificare l’assenza di democrazia, asserendo di privilegiare innanzitutto lo sviluppo economico. Ma oggi l'argomento non regge più. Nel mondo arabo non esiste né sviluppo, né democrazia. Questa realtà comporta, nell’ambito di tutti i grandi dibattiti internazionali, una marginalizzazione senza precedenti di quella regione del mondo. E le cause profonde del degrado non sono mai state seriamente analizzate. Per ovvi motivi, del resto: ovunque, nel mondo arabo, l’assenza di libertà pubbliche e la disfatta dei sistemi educativi rendono estremamente pericolosa e intellettualmente difficile un’attività del genere.
L’aggravarsi della situazione in Tunisia (e la fuga di Ben Alì) mostra la fragilità di questi regimi. Non bisogna tuttavia illudersi troppo presto. Fino a oggi non esiste un solo regime arabo che sia caduto in seguito a rivolte o sommosse. È ancora presto per concludere che il regime di Ben Ali è definitivamente crollato.
(1) Il termine è riconducibile all’espressione inglese “rent seeking” ed è utilizzato per indicare il fenomeno che si verifica quando un individuo, un'organizzazione o un'impresa cerca di ottenere un guadagno mediante l'acquisizione di una rendita economica attraverso la manipolazione o lo sfruttamento dell'ambiente economico, piuttosto che mediante la conclusione di transazioni economiche e la produzione di valore aggiunto. Il rent seeking implica generalmente l'estrazione di valore non controbilanciato da altro, senza che ci sia alcun contributo alla produttività, ad esempio ottenendo controllo della terra e di altre risorse naturali preesistenti, oppure mediante l'imposizione di gravose regolamentazioni o di altre decisioni governative che possono influenzare i consumatori o gli affari.

_________________
IL PALMARES NON SI PRESCRIVE

[Una volta a Pietro Secchia] Cos'ha fatto ieri la Juve? [...] E tu pretendi di fare la rivoluzione senza sapere i risultati della Juve? (Palmiro Togliatti)


lunedì 24 gennaio 2011, ore 17:53
Torna a inizio pagina
Profilo
City Lover
City Lover
Avatar utente

Data iscrizione: domenica 28 settembre 2008, ore 12:51
Messaggi: 724
Località: Lombardia
Karma: 32 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
faccio una considerazione forse un po' ot: è curioso ed interessante notare come i paesi in cui c'è un lento ricambio politico e-o un opposizione molto debole (perchè repressa o non in grado di attrarre le folle), questi paesi siano anche tra quelli più arretrati dal punto di vista economico (escludendo naturalmente quei paesi in cui imperversano guerre)
trovo purtroppo troppe analogie tra la politica generazionale dei paesi arabi con l'incredibile longevirà politica dei politici italiani...sono sicuro che buona parte dei problemi che ha l'italia siano dovuti al fatto che la "testa" del paese non sia cambiata a dispetto dell'ambiente e dei problemi che si trova a fronteggiare.
si badi bene però che il concetto della rottamazione per me non è una soluzione, anzi, il rischio sarebbe l'opposto (anche l'esperienza è una componente importantissima per un buon governo)...come in tutte le cose è importante non esagerare in una direzione ,ma, piuttosto, trovare un equilibrio.
come disse una volta un famoso comico: i politici sono come i pannolini, bisogna cambiarli spesso e per lo stesso motivo ;)

_________________
« Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d'accordo. »(Lirio Abbate, Peter Gomez)
« La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine.»(Giovanni Falcone)
link per la mappa di gela


lunedì 24 gennaio 2011, ore 19:45
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: lunedì 3 marzo 2008, ore 15:21
Messaggi: 9043
Località: Terranova
Karma: 47 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
aury88 ha scritto:
faccio una considerazione forse un po' ot: è curioso ed interessante notare come i paesi in cui c'è un lento ricambio politico e-o un opposizione molto debole (perchè repressa o non in grado di attrarre le folle), questi paesi siano anche tra quelli più arretrati dal punto di vista economico (escludendo naturalmente quei paesi in cui imperversano guerre)
trovo purtroppo troppe analogie tra la politica generazionale dei paesi arabi con l'incredibile longevirà politica dei politici italiani...sono sicuro che buona parte dei problemi che ha l'italia siano dovuti al fatto che la "testa" del paese non sia cambiata a dispetto dell'ambiente e dei problemi che si trova a fronteggiare.
si badi bene però che il concetto della rottamazione per me non è una soluzione, anzi, il rischio sarebbe l'opposto (anche l'esperienza è una componente importantissima per un buon governo)...come in tutte le cose è importante non esagerare in una direzione ,ma, piuttosto, trovare un equilibrio.
come disse una volta un famoso comico: i politici sono come i pannolini, bisogna cambiarli spesso e per lo stesso motivo ;)

concordo con te.. soprattutto quando fai rilevare che anche se in altri modi, anche da noi la classe dirigente tarda a cambiare!

_________________
IL PALMARES NON SI PRESCRIVE

[Una volta a Pietro Secchia] Cos'ha fatto ieri la Juve? [...] E tu pretendi di fare la rivoluzione senza sapere i risultati della Juve? (Palmiro Togliatti)


lunedì 24 gennaio 2011, ore 19:52
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 1 marzo 2006, ore 12:54
Messaggi: 7140
Località: Deserto algerino
Karma: 184 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
Sulla Tunisia e sugli altri paesi arabi che sembrano aver seguito l'onta tunisina,ci sarebbe da scrivere una vera e propria tesi di Laurea.
Lo sapranno anche i sassi che nel corso di una civiltà umana,ogni rivoluzione è una manifestazione di volontà di cambiamento a livello sociale e soprattutto politico.

Rivoluzione che nasce dai giovani,le giovani generazioni,tra quelle che stanno avendo maggiori possibilità di studio,quindi di accrescimento culturale.
Coloro che hanno più confidenza con internet e col mondo oramai globalizzato.
Quindi,più vicini alla realtà mondiale.

Questi ragazzi,hanno capito che la causa della povertà nella società araba e in altre società nel mondo,sta principalmente in una forma di oligarchia esercitata e mantenuta da "pochi eletti".
Oligarchia che usa strumenti di potere efficaci come la Religione.

Cosi come quella Cristiana,anche la religione islamica,come qualsiasi altra religione,viene usata dall'uomo come fonte di potere e di sottomissione del prossimo per mezzo di paure e superstizioni,concepite ad hoc.

Osservazione personale: secondo me,uomini che usano la Religione come arma di potere,hanno anche da loro,la potente complicità del Demonio


I giovani ribelli,però sono oramai abbastanza acculturati,da capire che soprattutto oggigiorno,il potere delle "palandrane barbute" ha solo un unico scopo dispotico ed è inutile al popolo.
I giovani arabi sono e sanno di essere il futuro,un futuro che vuol diventar presente,se qualcosa o qualcuno non gli tarpa le ali.

In parole povere,i giovani arabi non si lasciano sopraffare da chi gli fa credere che la conquista del benessere economico sia una cosa immonda e che sia meglio vivere come noi nel Medioevo.

_________________
Adeu Clavell Morenet,adeu estrella del dia.


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 13:41
Torna a inizio pagina
Profilo
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4080
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
Con tutto il rispetto delle opinioni, ma non paragoniamoci alla Tunisia o all'Eggitto.

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 19:51
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: venerdì 19 ottobre 2007, ore 16:12
Messaggi: 17206
Karma: 35 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
quando il popolo si rivolta contro una dittatura sono sempre felice.

è uno schifo inqualificabile che uno stato glorioso e occidentale come l'Italia sia in rapporti di amicizia con i regimi di tunisi, tirana, il cario, tripoli e piu' importante mosca.

_________________
Immagine


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 20:28
Torna a inizio pagina
Profilo
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4080
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
Razio ha scritto:
quando il popolo si rivolta contro una dittatura sono sempre felice.

è uno schifo inqualificabile che uno stato glorioso e occidentale come l'Italia sia in rapporti di amicizia con i regimi di tunisi, tirana, il cario, tripoli e piu' importante mosca.


Non solo l'Italia.....quelli che non lo sono, ne sono invidiosi.
C'era la Francia che con Saddam erano ca**o e culo in periodo di embargo.
I sordi fanno muovere il mondo.

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 20:30
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: venerdì 19 ottobre 2007, ore 16:12
Messaggi: 17206
Karma: 35 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
gianiro ha scritto:
Razio ha scritto:
quando il popolo si rivolta contro una dittatura sono sempre felice.

è uno schifo inqualificabile che uno stato glorioso e occidentale come l'Italia sia in rapporti di amicizia con i regimi di tunisi, tirana, il cario, tripoli e piu' importante mosca.


Non solo l'Italia...

ovviamente. ma io sono Italiano e ho parlato del mio paese.

_________________
Immagine


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 20:31
Torna a inizio pagina
Profilo
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4080
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
Razio ha scritto:
gianiro ha scritto:
Razio ha scritto:
quando il popolo si rivolta contro una dittatura sono sempre felice.

è uno schifo inqualificabile che uno stato glorioso e occidentale come l'Italia sia in rapporti di amicizia con i regimi di tunisi, tirana, il cario, tripoli e piu' importante mosca.


Non solo l'Italia...

ovviamente. ma io sono Italiano e ho parlato del mio paese.


.......e questo è anche vero...
Però ti devi mettere anche nei panni, ognio tanto, di chi governa e deve dare risposte.
Certe alleanze schifose sono strategiche per il benessere di una nazione ricca come la nostra.
Ovviamente c'è modo e modo di intrattenere rapporti e certamente le ultime manifestazioni con Gheddafi non sono proponibili in uno Stato come l'Italia.

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 20:34
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: venerdì 19 ottobre 2007, ore 16:12
Messaggi: 17206
Karma: 35 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
giustissimo, ma qui se ci pensi nasce un problema enorme...noi (occidentali) dipendiamo o non possiamo metterci contro paesi come la cina, la russia i paesi mediorientali e nordafricani...il brasile (ottima democazia ma vedi caso battisti)...

quindi dobbiamo sempre e solo ''calare le corna''? :? ho paura di si

_________________
Immagine


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 20:38
Torna a inizio pagina
Profilo
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4080
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
Razio ha scritto:
giustissimo, ma qui se ci pensi nasce un problema enorme...noi (occidentali) dipendiamo o non possiamo metterci contro paesi come la cina, la russia i paesi mediorientali e nordafricani...il brasile (ottima democazia ma vedi caso battisti)...

quindi dobbiamo sempre e solo ''calare le corna''? :? ho paura di si


:( si

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 20:42
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 1 marzo 2006, ore 12:54
Messaggi: 7140
Località: Deserto algerino
Karma: 184 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
La Storia ci ha sempre insegnato che..........i popoli che si dimostrano più deboli,soccombono. ç_ç ç_ç ç_ç ç_ç ç_ç

_________________
Adeu Clavell Morenet,adeu estrella del dia.


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 20:53
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: venerdì 19 ottobre 2007, ore 16:12
Messaggi: 17206
Karma: 35 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
ellenico ha scritto:
La Storia ci ha sempre insegnato che..........i popoli che si dimostrano più deboli,soccombono. ç_ç ç_ç ç_ç ç_ç ç_ç

in questo caso sono i popoli oppressi dai regimi ad essere deboli non noi soccombenti

_________________
Immagine


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 22:25
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 1 marzo 2006, ore 12:54
Messaggi: 7140
Località: Deserto algerino
Karma: 184 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
Razio ha scritto:
ellenico ha scritto:
La Storia ci ha sempre insegnato che..........i popoli che si dimostrano più deboli,soccombono. ç_ç ç_ç ç_ç ç_ç ç_ç

in questo caso sono i popoli oppressi dai regimi ad essere deboli non noi soccombenti


Anche i popoli che porgono solo le guance non si dimostrano forti.
Vedi te se una qualche nazione si permette di prendersi troppa confidenza con l'Inghilterra o la Francia,come rispondono loro.

_________________
Adeu Clavell Morenet,adeu estrella del dia.


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 22:43
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: venerdì 19 ottobre 2007, ore 16:12
Messaggi: 17206
Karma: 35 punti  
Messaggio Re: TUNISIA
anche la GB e òa francia hanno rapporti con paesi dittatoriali...

_________________
Immagine


mercoledì 26 gennaio 2011, ore 22:47
Torna a inizio pagina
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per      
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron