Gela nel Mondo Indice del Forum Galleria Foto e Immagini di Gela Gela nel Mondo




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 93 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo
Solar Power and the challenge! 
Autore Messaggio
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
gianiro ha scritto:
Non è che vuoi essere indicato i posti dove l'Eni fa ricerca per inviare il tuo curriculum?
Se è così dimmelo che ti do l'indirizzo esatto.
Ti prendono certamente, hanno tanto da impare da te. ;)

Trân trọng
gianiro

In vietnamita.




E' questo il tuo modo di confrontarti? Quando non riesci a fare parlare la ragione inizi a dire corbellerie?
Povera anima sola!
Io sono un ricercatore della BPGlobal e di certo non sono interessato a venire a lavorare per ENI, che mi pagherebbe 1/4 per fare cavolate di immense e colossali dimensioni. Non ti preoccupare povera anima sola!

Comunque ti pregherei di parlare di argomenti attinenti al post, perchè rischi di deviare l'attenzione verso diatribe personali e futili. Se preferisci dare un contributo positivo al blog cerca di focalizzarti sulla questione, viceversa nessuno ti darà una coppa per avermi attaccato.
Il mio invito è sempre quello di parlare di cose attinenti, scardinando le conoscenze con la logica e i dati. Io non ho mai detto di essere portatore sano di verità, ma tu non hai fatto sforzi per parlare di scienza. Quando avrai imparato a confutare i dati con altri dati, forse, sarai una persona più seria.

Ciao anima sola.


lunedì 2 maggio 2011, ore 23:55
Torna a inizio pagina
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Carissimi,
Effettivamente mi sono accorto che non abbiamo ancora parlato di solare termodinamico e questa è una grave mancanza. Se ci sono ingegneri che volessero fare una breve presentazione del problema del termodinamico, sarei molto contento di ascoltare la sua tesi. Io non mi occupo di solare termodinamico e quindi rischierei di dire sciocchezze. Tuttavia vorrei dare qualche cenno sulla seconda possibilità di ottenere energia elettrica dal sole.
La luce del sole viene convogliata, attraverso dei sistemi a specchio, in una cella termodinamicamente isolata e contenente una miscela di sali fusi in contatto con un circuito di acqua esterna (scambiatore). Quando il sale fonde accumula energia sottoforma di entropia e la rilascia quando non c'è più la sorgenete di calore esterna (sole), per esempio durante le ore notturne. Questo accade grazie a processi di microcristallizzazione, che causano uno scambio di calore tra i sali e l'acqua. Come potete immaginare, di giorno il sole ha un doppio ruolo: quello di riscaldare l'acqua e quello di fondere i sali. Le temperature che si possono raggiungere sono di circa 600°C e, in particolari condizioni, si può ottenere vapore surriscaldato in grado di produrre energia elettrica passando da una turbina. In genere si utilizzano cicli di Rankine classici. Di notte i sali si solidificano e continuano a riscaldare l'acqua producendo vapore. In pratica è un sistema per accumulare l'energia del sole e usarla anche durante la notte.
Il solare termodinamico raggiunge efficienze di circa il 35% e quindi è molto più vantaggioso che il semplice pannello solare. Tuttavia ha svantaggi derivanti dalla necessità di avere una produzione centralizzata. A tutt'oggi è in corso una diatriba su come sistemare queste centrali, perchè alcuni ritengono siano troppo grandi. Secondo Carlo Rubbia, premio Nobel per la fisica della materia condensata, basterebbero 40.000 Kmq per sostituire tutta l'energia derivante dall'uso del petrolio su scala mondiale.
In Italia esisteva un progetto ENEA, chiamato Archimede, che si occupava dello sviluppo di queste centrali, ma dopo la scelta di seguire la via del nucleare è stato abbandonato perchè ritenuto insostenibile. Lo stesso Rubbia al momento è in Spagna per continuare il progetto Archimede per conto del governo spagnolo.

Best Regards,
Nicolò.


martedì 3 maggio 2011, ore 3:11
Torna a inizio pagina
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4083
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
senza educazione non mi confronto. Sarai intelligente, anche se non si vede, ma arrogante di sicuro. Vedi di mantenerti in un ambito di civile rispetto.

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


martedì 3 maggio 2011, ore 7:45
Torna a inizio pagina
Profilo
City Keys Owner!
City Keys Owner!
Avatar utente

Data iscrizione: giovedì 21 dicembre 2006, ore 20:21
Messaggi: 4083
Località: MACCHITELLA (GELA)
Karma: 56 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Cita:
Io sono un ricercatore della BPGlobal e di certo non sono interessato a venire a lavorare per ENI

:shock: :o :o :shock: :shock:
[-X [-X [-X

Da come scrivevi e da quello che dicevi, pensavo fossi un ricercatore di Greenpeace e non un ricercatore della più grande multinazionale PETROLIFERA del mondo. Ce ne vuole di faccia tosta a criticare l'Eni quando i disastri commessi, ultimo fra tutti la piattaforma in messico, si contano numerosi. Ce ne vuole di faccia tosta a parlare male delle industrie petrolifere pur lavorando, vantandosene, in quella che DECIDE le sorti dell'umanità da decenni.
Capisco anche che a questo punto il tuo astio verso l'ENI potrebbe essere inteso come una sorta di scredito verso un'azienda, molto più piccola ma che sta rosicchiando fette di mercato.
Coerenza, please, coerenza.


Trân trọng
gianiro

_________________
Immagine

Attrezzatura e tecnica sono solo l'inizio. È il fotografo che conta più di tutto. (John Hedgecoe)


martedì 3 maggio 2011, ore 8:50
Torna a inizio pagina
Profilo
Global Moderator
Global Moderator
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 23 maggio 2007, ore 18:12
Messaggi: 7985
Karma: 69 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Gianiro e Nicolo, vi invito a cessare le ostilità. Se leggerò altre offese e provocazioni chiuderò il topic.

_________________
Great minds discuss ideas; average minds discuss events; small minds discuss people.
-Eleanor Roosevelt


martedì 3 maggio 2011, ore 11:13
Torna a inizio pagina
Profilo
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
dada ha scritto:
Gianiro e Nicolo, vi invito a cessare le ostilità. Se leggerò altre offese e provocazioni chiuderò il topic.


Carissimo Dada,
Come avrai potuto leggere e rileggere io non ho offeso nessuno, ma mi sono limitato a dire che la persona di cui sopra stava dicendo e continua a dire cose false e spesso non attinenti al topic. Ribadisco che non e` mia intenzione offendere nessuno. Il mio interesse e` quello di parlare del solare e di idee innovative per sfruttare al meglio questa risorsa, nonche` di sensibilizzare i cittadini attenti a queste tematiche. In ultima analisi, essendo io un ricercatore nel settore delle energie rinnovabili, vorrei fare un minimo di informazione. E` possibile fare tutto questo?
Viceversa smorzero i miei interventi e lascero` il topic nelle mani di Gianiro, che sappiamo essere un grande esperto in materia.
Il mio consiglio, invece, e` quello di invitare questo signore a fare interventi seri e adeguarsi al livello richiesto per arrogarsi il diritto di dare pareri tecnici. Ho piu` volte invitato l'utente di cui sopra a citare dati, luoghi e fatti, senza alcun riscontro. Adesso, che e` coi sassi dietro alla porta, sta cercando lo scontro personale.
Non si puo` avere la presupponenza di dire cose a vanvera ed essere anche ascoltati!

Per quanto riguarda l'argomento censura del topic, mi pare eccessivo che un topic serio debba essere chiuso per via di una persona che potrebbe benissimo non leggerlo, visto che si sente offeso....................................................... :o

Best Regards,
Nicolo`.


martedì 3 maggio 2011, ore 12:59
Torna a inizio pagina
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 1 marzo 2006, ore 12:54
Messaggi: 7140
Località: Deserto algerino
Karma: 184 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Nicolo,con tutto il rispetto,io non so se Gianiro abbia voluto fare ironia nel post che hai trovato irritante.
Il brutto di questi forum è che è difficile capire se una persona approccia con noi in buona o in mala fede.

Però all'ironia si risponde con ironia,non è carino offendere.

Capisco che il tuo lavoro è talmente impegnativo che consuma gran parte della mente da non lasciare spesso spazio a ironia e che spesso,presunta saccenza fa uscire fuori dai gangheri.

_________________
Adeu Clavell Morenet,adeu estrella del dia.


martedì 3 maggio 2011, ore 13:06
Torna a inizio pagina
Profilo
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
L'ironia e` una forma di intelligenza e non deve essere confusa con altro. Il mio vocabolario e` il Devoto Oli e non lascia spazio a titubanze in merito alle parole.

Per quanto riguarda Gianiro ha fatto tutto tranne che irritarmi o offendermi.
L'unica cosa che mi offende e` quando mi danno ragione e le uniche persone che mi fanno irritare sono le donne quando rifiutano i miei inviti a cena. Il resto mi fa solamente ridere!

Best Regards,
Nicolo`.


martedì 3 maggio 2011, ore 13:45
Torna a inizio pagina
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: lunedì 3 marzo 2008, ore 15:21
Messaggi: 9043
Località: Terranova
Karma: 47 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
PArliamo di solare.. tornate tutti in topic!

_________________
IL PALMARES NON SI PRESCRIVE

[Una volta a Pietro Secchia] Cos'ha fatto ieri la Juve? [...] E tu pretendi di fare la rivoluzione senza sapere i risultati della Juve? (Palmiro Togliatti)


martedì 3 maggio 2011, ore 14:34
Torna a inizio pagina
Profilo
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 1 marzo 2006, ore 12:54
Messaggi: 7140
Località: Deserto algerino
Karma: 184 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Nicolo ha scritto:
L'ironia e` una forma di intelligenza e non deve essere confusa con altro. Il mio vocabolario e` il Devoto Oli e non lascia spazio a titubanze in merito alle parole.

Per quanto riguarda Gianiro ha fatto tutto tranne che irritarmi o offendermi.
L'unica cosa che mi offende e` quando mi danno ragione e le uniche persone che mi fanno irritare sono le donne quando rifiutano i miei inviti a cena. Il resto mi fa solamente ridere!

Best Regards,
Nicolo`.


Bè,non sei il solo. ;)

_________________
Adeu Clavell Morenet,adeu estrella del dia.


martedì 3 maggio 2011, ore 15:56
Torna a inizio pagina
Profilo
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Qualcuno di voi potrebbe dirmi quanti GWp si possono ottenere sfruttando un'area paragonabile al petrolchimico di Gela? Ovviamente parlo di una centrale solare termodinamica. Ci vorrebbe qualcuno che conosca l'estensione territoriale del petrolchimico e che sappia fare estimo in campo di SP termodinamico.
Sono curioso! Secondo me si potrebbe fare una bella pubblicazione con dati di questo tipo.
Parlo agli ingegneri della zona, ovviamente!

Il mio lavoro e` teso a sviluppare polimeri piezoelettrici in grado di produrre energia grazie alla deformazione causata dal sole. In pratica sono dei polimeri che quando si dilatano, per azione dei raggi solari, producono piccole scosse elettriche; le quali possono sviluppare una corrente elettrica e quindi energia cumulabile. Al momento ho prodotto microsensori di circa 2 cmq in grado di produrre 3.5 Wp, che significa un efficienza di circa 1.5 volte quella dei pannelli a silicio (uguale a quella del termodinamico). Purtroppo i pannelli sono in fase di sviluppo e di ingegnerizzazione e il loro costo non e` quello che mi aspettavo. Forse in fase di ingegnerizzazione arriveranno a costare quanto quelli in silicio. Proviamo a fare un giochino interesante:
accorpare i dati di estimo sul nostro territorio e quelli di efficienza dei miei pannelli.
Magari riusciamo a dimostrare che usando la tecnologia moderna si riescono a fare miracoli!

Se qualcuno si sta chiedendo a che serve fare pannelli che hanno la stessa efficienza del termodinamico, la risposta la trova di seguito. Il termodinamico ha bisogno di una fonte di calore (carbone) per poter iniziare il ciclo e poter supplire l'assenza di sole nei periodi cupi, mentre il modello piezoelettrico non necessita di tale fonte di calore. Il termodinamico e` possibile farlo solamente centralizzando la rete, mentre i pannelli possono diventare elementi di design e quindi utili per la eco-architettura (costuzione di case autosufficienti). I polimeri piezoelettrici durano 30 anni e possono essere biodegradabili.

Provate ad immaginare una citta` che possiede centrali termodinamiche solari e case costruite utilizzando i criteri della eco-architettura. Solo l'idea rende estatico il momento! Questo significherebbe indipendenza energetica, ambiente sicuro e pulito, turismo, aumento delle risorse economiche, sviluppo tecnologico, debollettazione, e tanto altro ancora.

Best Regards,
Nicolo`.


martedì 3 maggio 2011, ore 16:10
Torna a inizio pagina
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 1 marzo 2006, ore 12:54
Messaggi: 7140
Località: Deserto algerino
Karma: 184 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Suvvia,abbandoniamo ogni conflitto...sennò l'intelligenza scema...l'intelligenza è come la materia il cui Quanto elementare come entità-automa obbedisce all'amore divino.


Tornando in topic,ho visto i video postati da Nicolò nel post Referendum sulla Fusione a freddo.
In merito speriamo di arrivarci fra pochi anni alla fusione a freddo.
Avere a disposizione tanta energia elettrica a basso costo,significherebbe per me,fare a meno del metano per il riscaldamento e i piani cottura e usare cucine elettriche(molto più sicure),climatizzatore per il riscaldamento o per la refrigerazione dell'aria in estate e lo scaldabagno.
Avere una bella fornitura elettrica di 5Kw.
Lo stesso,farebbero in molto e le aziende energetiche corrono ai ripari.

_________________
Adeu Clavell Morenet,adeu estrella del dia.


martedì 3 maggio 2011, ore 16:13
Torna a inizio pagina
Profilo
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
ellenico ha scritto:
Suvvia,abbandoniamo ogni conflitto...sennò l'intelligenza scema...l'intelligenza è come la materia il cui Quanto elementare come entità-automa obbedisce all'amore divino.


Tornando in topic,ho visto i video postati da Nicolò nel post Referendum sulla Fusione a freddo.
In merito speriamo di arrivarci fra pochi anni alla fusione a freddo.
Avere a disposizione tanta energia elettrica a basso costo,significherebbe per me,fare a meno del metano per il riscaldamento e i piani cottura e usare cucine elettriche(molto più sicure),climatizzatore per il riscaldamento o per la refrigerazione dell'aria in estate e lo scaldabagno.
Avere una bella fornitura elettrica di 5Kw.
Lo stesso,farebbero in molto e le aziende energetiche corrono ai ripari.



Sarebbe molto bello poter disporre di energia a fusione fredda altamente ingegnerizzata. Chi non vorrebbe una batteria del genere a casa? Io ho conosciuto di persona Giuliano Preparata, perche` 4 anni fa inizai a lavorare a Milano proprio su questo argomento. Una persona splendida e di intelligenza sublime, come pure i suoi collaboratori Fleishmann e Del Giudice. Gli hanno tagliato i fondi quelli dell'ENEA perche` quella batteria e` veramente una potenza! Io l'ho vista all'opera e vi posso garantire che si potrebbe fare anche artigianalmente. Il problema e` che non si conoscono tutti i fenomeni che stanno dietro allo sviluppo di potenza e quindi non si riesce a captare tutta l'energia utile. E' questa la vera sfida: acchiappare l'energia invisibile!
La teoria dice che si dovrebbe sviluppare una certa quantita` di energia, ma quella che si trasforma in calore e` 1/20 di quella prodotta...........

Best Regards,
Nicolo`.


martedì 3 maggio 2011, ore 16:29
Torna a inizio pagina
City Soldier
City Soldier
Avatar utente

Data iscrizione: mercoledì 1 marzo 2006, ore 12:54
Messaggi: 7140
Località: Deserto algerino
Karma: 184 punti  
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
Nicolo ha scritto:
ellenico ha scritto:
Suvvia,abbandoniamo ogni conflitto...sennò l'intelligenza scema...l'intelligenza è come la materia il cui Quanto elementare come entità-automa obbedisce all'amore divino.


Tornando in topic,ho visto i video postati da Nicolò nel post Referendum sulla Fusione a freddo.
In merito speriamo di arrivarci fra pochi anni alla fusione a freddo.
Avere a disposizione tanta energia elettrica a basso costo,significherebbe per me,fare a meno del metano per il riscaldamento e i piani cottura e usare cucine elettriche(molto più sicure),climatizzatore per il riscaldamento o per la refrigerazione dell'aria in estate e lo scaldabagno.
Avere una bella fornitura elettrica di 5Kw.
Lo stesso,farebbero in molto e le aziende energetiche corrono ai ripari.



Sarebbe molto bello poter disporre di energia a fusione fredda altamente ingegnerizzata. Chi non vorrebbe una batteria del genere a casa? Io ho conosciuto di persona Giuliano Preparata, perche` 4 anni fa inizai a lavorare a Milano proprio su questo argomento. Una persona splendida e di intelligenza sublime, come pure i suoi collaboratori Fleishmann e Del Giudice. Gli hanno tagliato i fondi quelli dell'ENEA perche` quella batteria e` veramente una potenza! Io l'ho vista all'opera e vi posso garantire che si potrebbe fare anche artigianalmente. Il problema e` che non si conoscono tutti i fenomeni che stanno dietro allo sviluppo di potenza e quindi non si riesce a captare tutta l'energia utile. E' questa la vera sfida: acchiappare l'energia invisibile!
La teoria dice che si dovrebbe sviluppare una certa quantita` di energia, ma quella che si trasforma in calore e` 1/20 di quella prodotta...........

Best Regards,
Nicolo`.


Non conviene ad alcuni che non potrebbero lucrarci dietro.
In Italia,diremo NO al nucleare,ma finisce tutto qui senza preoccuparci a ciò che ha portato all'esigenza di voler costruire centrali nucleari anche in territorio italiano,di sicuro non per farne dei monumenti,ma per la domanda crescente di energia elettrica che al giorno d'oggi una buona parte acquistiamo dall'estero e per il resto prodotta da fonti energetiche oramai superate.
In Italia ci si gira intorno al problema: ma ciò conviene a parecchi.

Quella batteria potrebbe anche farmi avere 5 Kw/h in casa.

_________________
Adeu Clavell Morenet,adeu estrella del dia.


martedì 3 maggio 2011, ore 16:53
Torna a inizio pagina
Profilo
Messaggio Re: Solar Power and the challenge!
ellenico ha scritto:
Nicolo ha scritto:
ellenico ha scritto:
Suvvia,abbandoniamo ogni conflitto...sennò l'intelligenza scema...l'intelligenza è come la materia il cui Quanto elementare come entità-automa obbedisce all'amore divino.


Tornando in topic,ho visto i video postati da Nicolò nel post Referendum sulla Fusione a freddo.
In merito speriamo di arrivarci fra pochi anni alla fusione a freddo.
Avere a disposizione tanta energia elettrica a basso costo,significherebbe per me,fare a meno del metano per il riscaldamento e i piani cottura e usare cucine elettriche(molto più sicure),climatizzatore per il riscaldamento o per la refrigerazione dell'aria in estate e lo scaldabagno.
Avere una bella fornitura elettrica di 5Kw.
Lo stesso,farebbero in molto e le aziende energetiche corrono ai ripari.



Sarebbe molto bello poter disporre di energia a fusione fredda altamente ingegnerizzata. Chi non vorrebbe una batteria del genere a casa? Io ho conosciuto di persona Giuliano Preparata, perche` 4 anni fa inizai a lavorare a Milano proprio su questo argomento. Una persona splendida e di intelligenza sublime, come pure i suoi collaboratori Fleishmann e Del Giudice. Gli hanno tagliato i fondi quelli dell'ENEA perche` quella batteria e` veramente una potenza! Io l'ho vista all'opera e vi posso garantire che si potrebbe fare anche artigianalmente. Il problema e` che non si conoscono tutti i fenomeni che stanno dietro allo sviluppo di potenza e quindi non si riesce a captare tutta l'energia utile. E' questa la vera sfida: acchiappare l'energia invisibile!
La teoria dice che si dovrebbe sviluppare una certa quantita` di energia, ma quella che si trasforma in calore e` 1/20 di quella prodotta...........

Best Regards,
Nicolo`.


Non conviene ad alcuni che non potrebbero lucrarci dietro.
In Italia,diremo NO al nucleare,ma finisce tutto qui senza preoccuparci a ciò che ha portato all'esigenza di voler costruire centrali nucleari anche in territorio italiano,di sicuro non per farne dei monumenti,ma per la domanda crescente di energia elettrica che al giorno d'oggi una buona parte acquistiamo dall'estero e per il resto prodotta da fonti energetiche oramai superate.
In Italia ci si gira intorno al problema: ma ciò conviene a parecchi.

Quella batteria potrebbe anche farmi avere 5 Kw/h in casa.
#

In nucleare, cosi` come lo vogliono fare, e` una vaccata enorme. Il rapporto rischio/beneficio e` totalmente a favore del rischio, anche perche` ci sono parecchie altre sorgenti sicure e sfruttabili.
Quella batteria, se ingegnerizzata, potrebbe darti anche 5 Kwp. I calcoli, basati sulla produzione di He3, dicono che si produce una quantita` di energia pari a 8 Kwp. Metti che si riesce ad arrivare ad un rendimento del 60% puoi avere 4.8 Kwp. La batteria costerebbe poco piu` che 300 € per una durata di 500 anni teorici. Metti che in pratica sono 1/5 (sai com'e`? si rompe una caz..ta!) sono 100 anni!


martedì 3 maggio 2011, ore 17:10
Torna a inizio pagina
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per      
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 93 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron