Home

Entra nel Forum!

Curiosità

Il tempo a Gela:icona meteo-° C
Totale iscritti: 13101 (lista)
Messaggi inviati: 229687
Il più attivo: ryoga
L'ultimo arrivato: machine
Online nelle ultime 24 ore:
Bing [Bot]

La Mappa di Gela

Gela su YouTube

Aria Nuova: Ambiente e salute? Dettagli!
(15 voti)
Scritto da Paolo Scicolone - Ass.ne Aria Nuova   
Lunedì 16 Marzo 2009 11:50
Share/Save/Bookmark
Le colture agricole prodotte sui fondi agricoli adiacenti al petrolchimico entro un raggio di almeno 5 km, sono inquinate.

Questi sono i risultati di perizie condotte dai periti della Procura delle Repubblica di Gela che hanno operato nel corso di una lunghissima attività d’indagine inerente ad un procedimento penale che si è appena concluso con l’assoluzione dell’ex dirigente ENI Frediani. Gli inquinanti sono di chiara origine industriale trattandosi prevalentemente di sostanze unicamente riconducibili ad emissioni tipiche delle lavorazioni di petrolio e di pet coke in particolare...

Altri periti durante lo stesso processo hanno dimostrato il nesso fra la tipologia di inquinanti trovati in frutta e verdure e le emissioni dei camini del petrolchimico. Vanadio, nichel, IPA, acido solforico vengono immessi in atmosfera dai camini, inquinano l’aria e ricadono sulle piante provocando diversi tipi di traumi alle stesse, con danneggiamento delle produzioni e inquinamento delle derrate alimentari.

L’associazione Aria Nuova, che ha prestato gratuitamente le proprie professionalità ai contadini che hanno denunciato l'accaduto e si è costituita essa stessa parte civile nel processo, non intende accettare così passivamente la sentenza e contesta numerosi vizi di forma durante l’iter processuale e una interpretazione davvero anomala dei risultati delle perizie tecniche. Si attende di prendere visione degli atti e delle motivazioni che hanno indotto il giudice ad una sentenza di questo tipo per decidere come agire per tutelare in primo luogo la salute di tutti i cittadini Gelesi e del circondario e in secondo luogo il lavoro e le produzioni di numerosi agricoltori che nel corso dei 7 anni di processo sono stati ingiustamente accusati di usare pratiche agricole non corrette che hanno generato quella forma di inquinamento.

L’ENI inquina, e questo è ampiamente emerso; i contadini operano indipendentemente gli uni dagli altri e usano tecniche agricole diverse su colture diverse ma subiscono lo stesso tipo di danni. Questo basta a far pensare che la causa deve necessariamente essere un'altra e qualsiasi cittadino, guardandosi attorno, non troverebbe altra causa se non i camini della Raffineria di Gela. Ma oltre che basandosi su un processo intuitivo, questa verità è venuta fuori con dati chiari!

L’evidenza dell’innocenza dei contadini è attestata anche dall’osservazione che tutti possono constatare che gli stessi danni denunciati dai contadini sono riscontrabili visibilmente in piante cresciute spontaneamente nella stessa area ma fuori dai fondi coltivati, e quindi immuni da eventuali  contaminazioni da fitofarmaci. Qualche esperto consultato dai legali dell’ENI ha anche avanzato il sospetto che alcune forme di inquinamento potessero avere come causa le ceneri dell’ETNA. E su queste i legali dell’imputato hanno basato parte dell’arringa finale.

Aria nuova, per quanto non sorpresa dalla sentenza, si dichiara fortemente delusa. E’ l’ennesimo colpo che cittadini onesti sono costretti a subire sotto gli occhi di tutti. E’ l’ennesima volta in cui il Comune di Gela, la Provincia di Caltanissetta e le altre istituzioni politiche e Sanitarie, pur portate al corrente dei fatti, non hanno assistito né in Tribunale né in altre sedi i cittadini, mostrando l’ormai consueto disinteresse verso tutte quelle tematiche che riguardano la salute pubblica.
 

A questo punto, visto che a quanto pare i responsabili dell’inquinamento sono gli agricoltori e l’ETNA, è dovere d’ufficio delle autorità procedere contro gli autori dei reati e rimuovere le cause che attentano alla salute Pubblica. Se non lo fanno sono da ritenere complici del reato!


Dott. Paolo Scicolone
Associazione Aria Nuova - Gela

 
Commenti (8)
osservazioni
1 Giovedì 19 Marzo 2009 16:56
gianiro
Se l'Etna inquina (ed inquina) non ci possiamo fare niente, fa parte della sua natura.
Se la raffineria inquina occorre sapere se lo fa entro i limiti...e se lo fa entro i limiti, purtroppo neanche qui c'è niente da fare...fa parte della sua specificità.

L'Etna però non la possiamo spegnere, la raffineria si.

A voi l'ardua sentenza!
il pentito e L'incarico istituzionale
2 Domenica 03 Maggio 2009 23:45
mauro
Mi chiedo se sia giusto che un pentito di mafia continui ad avere incarichi istituzionali,visto che prima di collaborare con la polizia lo ha fatto con la Mafia,e di conseguenza COLPEVOLE di gravi REATI. Lo vorrei chiedere a SONIA ALFANO cosa ne pensa. e se è CANDIDATO alle prossime Elezioni EUROPEI ?... La legge o i regolamenti dei partiti speciamente di Sinistra cosa dicono.IL SUO SEGRETARIO.....?
NO AL RICATTO OCCUPAZIONALE. ESPROPRIO PER GLI INQUINATORI
3 Lunedì 18 Maggio 2009 20:15
michele Ta - Mdap
Anche a Taranto c'è un esplosivo problema di inquinamento. Non succede mai niente perchè, oltre al legame tra ilva, sindacati e politica, c'è il ricatto occupazionale che scatta ogni volta che l'attenzione popolare si sveglia.
Ecco perchè a nostro avviso (movimento di azione popolare) l'unica strada per chi viola le leggi sull'inquinamento deve essere quella dell'esproprio dell'azienda e del suo trasferimento ad una gestione commissariale o socializzata.
Si potrebbe fare una legge di iniziativa popolare.
Nessuna pietà (economica) per chi non ha pietà per la vita delle persone.
preconcetti..
4 Domenica 26 Luglio 2009 18:02
gelese
La verità è qualcosa da ricercare, nessuno può prentendere di averla per grazia ricevuta. Un plauso a questa magistratura, lontana dal'imperante fanatismo ambientale.
giustizia
5 Lunedì 21 Settembre 2009 20:48
paolo
michele, la gestione socializzata è ciò a cui dovremmo tutti tendere, a taranto e in qualunque altra città. Qui però il problema non è solo di inquinamento. Il Problema è una Procura poco limpida e poco vogliosa di Giustizia
auitiamo la nostra gela
6 Martedì 08 Giugno 2010 15:47
ALESSIA
secondo me dovrebbero aggiustare i tubi dell acqua poi fare tipo una fondazione per raccogliere i soldi e pulirlae un passo alla volte gela riuscirebbea nn avere dei difetti
ti amo
7 Martedì 08 Giugno 2010 15:55
TERRONA
gela 6 speciale via mo a tt
FABRY TI AMOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!
anke io ti amo
8 Martedì 08 Giugno 2010 15:58
ito
io amo la sicilia ma lo cosa ke amo di piu e a mia alessia ti amo un casino amo

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
spacer
Mercoledì 21 Febbraio, alle 18.00 Sentinella apre il topic:
  vi tengo d'okkio (4 risposte)
spacer
spacer
Giovedì 15 Febbraio, alle 17.57 anami apre il topic:
  A chi mi legge... (7 risposte)
spacer
spacer
Domenica 6 Agosto, alle 15.33 cammelo apre il topic:
  Cammelo STORY (9 risposte)
spacer
spacer
Sabato 5 Agosto, alle 18.08 cioffanni apre il topic:
  Che fine ha fatto (5 risposte)
spacer
spacer
Sabato 15 Ottobre, alle 14.52 ryoga apre il topic:
  max, credevi ti avessimo escluso??? (4 risposte)
spacer
Domenica 10 Febbraio, alle 17.51 dionisio apre il topic:
  casa albergo o casa fantasma di macchitella (30 risposte)
spacer
spacer
Mercoledì 27 Febbraio, alle 20.34 ryoga apre il topic:
  CINE TEATRO MASTROSIMONE (24 risposte)
spacer
spacer
Venerdì 9 Maggio, alle 18.24 ZiuPeppi apre il topic:
  In ricordo di Peppino Impastato (35 risposte)
spacer
spacer
Domenica 15 Aprile, alle 17.58 ellenico apre il topic:
  Sarà...ma non mi fido! (29 risposte)
spacer
spacer
Lunedì 5 Gennaio, alle 09.13 sarbatò apre il topic:
  Gaza (245 risposte)
spacer
spacer
Domenica 15 Aprile, alle 11.20 aury88 apre il topic:
  Porto Turistico a Gela finanziato da privati (27 risposte)
spacer
spacer
Venerdì 6 Gennaio, alle 10.53 aury88 apre il topic:
  OpenStreetMap Gela (22 risposte)

Cerca nel sito

Sponsor

Pubblicità a Gela


Due foto a caso! :)

 
maschere di belelzza
 

maschere di belelzza

 
i want you
 

i want you

Parlano di noi...

 

 



 

Siti web Amici

© 2019 Gela nel Mondo - Alcuni diritti sono riservati - Note legali
Powered by Enzo Leonardi - Tecnoforniture Italia