Home

Entra nel Forum!

Curiosità

Il tempo a Gela:icona meteo-° C
Totale iscritti: 13101 (lista)
Messaggi inviati: 229687
Il più attivo: ryoga
L'ultimo arrivato: machine
Online nelle ultime 24 ore:
Bing [Bot]

La Mappa di Gela

Gela su YouTube

Gela: una tradizione marinara da salvaguardare
(17 voti)
Scritto da Francesco Barone   
Lunedì 06 Ottobre 2008 09:46
Share/Save/Bookmark

Gela ha avuto una grande tradizione marinara, ma una serie di  processi di trasformazione hanno contribuito a determinare la perdita di saperi e conoscenze relativi al mare. Quella della marineria gelese è una storia ricca, che spazia dal commercio marittimo alla pesca fino alla cantieristica navale testimoniata dalla presenza di un cantiere di mastro d’ascia ancora in piena attività al porto di Gela, che conferma un processo di continuità con una tradizione che porta lontano nel tempo. Un patrimonio di conoscenze tecniche, che andrebbero sostenute e salvaguardate.


Fino alla metà del secolo scorso il mare ha costituito una grande opportunità, che ha privilegiato chi ha voluto impiegarvi tempo e risorse. Ecco come...


Esisteva un vero e proprio gruppo sociale, partecipe di una realtà culturale comune, ossia quella legata al mare e alle sue risorse: famiglie di armatori, che rappresentavano una vera e propria elitè economica, essendo proprietarie di numerosi bastimenti, marittimi impiegati sui velieri che navigavano in tutto il mediterraneo e pescatori di spugne che sui “saccalleva” raggiungevano le coste di Libia e Tunisia per pescare quello che veniva ritenuto l’oro dei gelesi.

La flotta mercantile gelese era composta da “Golette” di grosso tonnellaggio, “Brigantini” di medio tonnellaggio e di “Velieri” oltre alle numerose barche da pesca. Quasi tutti i bastimenti erano registrati al Compartimento Marittimo di Porto Empedocle come bastimenti da carico.

Le rotte dei nostri velieri e successivamente dei motovelieri erano soprattutto verso la Libia, la Tunisia, la Spagna, Malta e i porti di Genova e Napoli. Le Golette erano imbarcazioni  a tre o a due alberi e prendevano denominazioni a seconda del tipo di armamento:

  • tipo Schooner: chiamata dai gelesi “Skunere” ed era costituita da due alberi con l’ albero maestro poco più lungo dell’ altro e con tre vele di strollo nel mezzo
  • tipo Cutter (o Cuttera): che aveva invece un solo albero maestro più un albero piccolo di mezzana
  • tipo Pinco chiamato dai gelesi “Pingaro” costituito da due alberi con la differenza che l’ albero di trinchetto era più lungo di quello maestro

Normalmente i marinai terranovesi utilizzavano le vele a forma latina e triangolo per i piccoli velieri, e le vele quadre per i bastimenti di tonnellaggio maggiore. Le vele utilizzate  erano la vela latina, la vela quadra e la vela aulica conosciuta come vela al terzo e utilizzata dai Trabaccoli. L’ equipaggio dei velieri era composto dal Comandante, dal Nostromo, da due o tre marinai e un mozzo di bordo.

I velieri che solcavano il nostro mare erano di vario tipo:

  • brigantino a palo: veliero con tre alberi verticali, quelli di trinchetto e maestra a vele quadre, l’albero di mezzana a vele auriche, e con bompresso.
  • brigantino-goletta: veliero con due alberi verticali; quello di propra (trinchetto) a vele quadre, quello di poppa (maestra) a vele auriche, e con bompresso.
  • goletta a palo: con bompresso, tre alberi verticali o un po' inclinati a poppa, tutti a vele auriche, più qualche vela quadra al trinchetto e talvolta anche a maestra e bompresso.
  • nave goletta (detta anche barca bestia): con tre alberi verticali, il primo (trinchetto) a vele quadre, il secondo (maestro) a vele auriche e bompresso.
  • brigantino goletta: con due alberi verticali. Il primo (trinchetto) a vele quadre, il secondo (maestro) a vele auriche e bompresso.
  • tartana: barca da pesca e da carico dotata di un solo albero con vela latina
  • trabaccolo: Piccolo bastimento mercantile da carico, a 2 alberi verticali con vele al terzo
  • sciabecco: Bastimento da carico, a tre alberi verticali o poco inclinati a prora;

La marineria terranovese, nel 1903 comprendeva una flotta di 140 velieri, con un cabotaggio medio di 60 tonnellate, 22 barche pescherecce e più di una decina di barche di grosso cabotaggio. Quasi tutte le imbarcazioni ogni anno venivano sottoposte a controlli prima di intraprendere  le lunghe navigazioni. Le riparazioni erano affidate ed artigiani di grande talento che operavano in una carpenteria attrezzata ubicata nei pressi della vecchia dogana:  i calafati

Si racconta che i bastimenti che trasportavano carichi se cambiava il vento e soffiava lo scirocco rientravano a Gela e per non lasciarli in balia delle onde venivano tirati a secco con l'intero carico. All'operazione partecipavano da due a trecento uomini di fatica cioè tutti quei marinai che erano adibiti a tirare le barche a riva ed a trasportare la merce sulle piccole imbarcazioni ormeggiate al largo.

Caratteristico era il loro vociare quando tiravano a riva un barca, essi si collocavano in fila ai due lati della barca e dopo aver sistemato i travetti (in dialetto “i falangi”) insaponati nella parte dove andava a finire la barca, gridavano tutti insieme: Oh issa! Oh issa! Così l’ imbarcazione scivolava sopra i travetti predisposti e quindi veniva tirata sulla sabbia.

 
Commenti (1)
informazioni marittime
1 Giovedì 08 Settembre 2016 14:12
nicola tandurella
Ciao mi chiamo Nicola Tandurella sono un capitano marittimo in pensione.
Questo argomento che avete appena scritto, pur riproducendo la realtà non parla, tuttavia, degli armatori e dei proprietari dei motovelieri di Gela.
Perché non approfondite l'argomento?

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
spacer
Mercoledì 21 Febbraio, alle 18.00 Sentinella apre il topic:
  vi tengo d'okkio (4 risposte)
spacer
spacer
Giovedì 15 Febbraio, alle 17.57 anami apre il topic:
  A chi mi legge... (7 risposte)
spacer
spacer
Domenica 6 Agosto, alle 15.33 cammelo apre il topic:
  Cammelo STORY (9 risposte)
spacer
spacer
Sabato 5 Agosto, alle 18.08 cioffanni apre il topic:
  Che fine ha fatto (5 risposte)
spacer
spacer
Sabato 15 Ottobre, alle 14.52 ryoga apre il topic:
  max, credevi ti avessimo escluso??? (4 risposte)
spacer
Domenica 10 Febbraio, alle 17.51 dionisio apre il topic:
  casa albergo o casa fantasma di macchitella (30 risposte)
spacer
spacer
Mercoledì 27 Febbraio, alle 20.34 ryoga apre il topic:
  CINE TEATRO MASTROSIMONE (24 risposte)
spacer
spacer
Venerdì 9 Maggio, alle 18.24 ZiuPeppi apre il topic:
  In ricordo di Peppino Impastato (35 risposte)
spacer
spacer
Domenica 15 Aprile, alle 17.58 ellenico apre il topic:
  Sarà...ma non mi fido! (29 risposte)
spacer
spacer
Lunedì 5 Gennaio, alle 09.13 sarbatò apre il topic:
  Gaza (245 risposte)
spacer
spacer
Domenica 15 Aprile, alle 11.20 aury88 apre il topic:
  Porto Turistico a Gela finanziato da privati (27 risposte)
spacer
spacer
Venerdì 6 Gennaio, alle 10.53 aury88 apre il topic:
  OpenStreetMap Gela (22 risposte)

Cerca nel sito

Sponsor

Pubblicità a Gela


Due foto a caso! :)

 
palazzo di città visto dal lido -  anni 50
 

palazzo di città visto dal lido - anni 50

 
io, sempre io
 

io, sempre io

Parlano di noi...

 

 



 

Siti web Amici

© 2019 Gela nel Mondo - Alcuni diritti sono riservati - Note legali
Powered by Enzo Leonardi - Tecnoforniture Italia